Raccolta della Plastica

DOVE BUTTARE
In tutti i Comuni il servizio è domiciliare. Si deve usare la pattumiera grande, nera, da 50 litri, e nessuna busta, tranne che a Settimo San pietro e a Soleminis, dove è stata distribuita una busta gialla.

QUANDO BUTTARE
Nel giorno previsto nel calendario.
Per l'orario vedere nella tabella “A che ora depositare i contenitori in strada”, nella pagina Modalità di raccolta.

COSA SI DEVE BUTTARE
Gli imballaggi di PLASTICA (vedasi anche l'allegato pieghevole realizzato in collaborazione con il Consorzio recupero plastica) purchè puliti, ossia:

  • Bottiglie (acqua, bibite, succhi, latte, olio);
  • Flaconi per detersivi, saponi, prodotti per l'igiene della casa, della persona, cosmetici, acqua distillata;
  • Dispensatori (sciroppi, creme, salse);
  • Vasetti (yogurt, creme, pomate);
  • Barattoli (gelati o alimenti in polvere);
  • Coperchi;
  • Confezioni rigide per dolciumi (es.: scatole trasparenti e vassoi interni ad impronte);
  • Vaschette (affettati, formaggi, pasta fresca, frutta e verdura), porta uova;
  • Vassoi per alimenti (es. affettati);
  • Confezioni per alimenti (es.: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati);
  • Buste o sacchetti di plastica;
  • Reticelle per frutta e verdura;
  • Film e pellicole trsparenti e non, cellophane delle riviste;
  • Contenitori vari per alimenti per animali;
  • Cassette prodotti ortofrutticoli;
  • Gusci, barre, chips da imballaggio in polistirolo espanso;
  • Blister, contenitori rigidi e formati a sagoma (es.: gusci per giocattoli, pile, articoli da cancelleria, gadget vari, articoli per il ferramenta e per il "fai da te");
  • Reggette per legatura pacchi;
  • Vasi per vivaisti;

Tutti gli oggetti sopra indicati sono imballaggi. Se avete il dubbio se un determinato oggetto sia o meno un imballaggio, provate a chiedervi se esso serve a contenere una merce che, senza di esso, non potrebbe essere venduta. Se la risposta è positiva è molto probabilmente un imballaggio, altrimenti no.

COSA NON SI DEVE BUTTARE

  • Tutto ciò che non è di plastica;
  • Contenitori contenenti sostanze tossiche o infiammabili (barattoli di vernici, colle, solventi);
  • Rifiuti ospedalieri (es.: siringhe, sacche per plasma, contenitori per liquidi fisiologici e per emodialisi);
  • Beni durevoli in plastica (es.: elettrodomestici, articoli casalinghi, complementi d'arredo, ecc.);
  • Oggetti diversi dagli imballaggi (es bambole, sedie, stendini, borse, zainetti, sporte, posacenere, portamatite, tubi, cartellette, grucce, Custodie per cd, musicassette, videocassette ecc.) anche se di plastica;
  • Piatti, bicchieri o posate di plastica;
  • Brick del latte o succhi di frutta;
  • Parti di veicoli (es. parafanghi, tappetini)ed accessori auto;
  • Canne per irrigazione;
  • Articoli per l'edilizia (es. sacchi di calce o cemento);
  • Bidoni e cestini portarifiuti
  • Imballaggi con evidente residui del contenuto (rifiuti pericolosi, non pericolosi o putrescibile);

Data di ultima modifica: 06/04/2017


Visualizza in modalità Desktop